Indietro

#PDESocialClub: Carlotto, Brunialti e Faggiani si raccontano in video

19 giugno 2020

Massimo Carlotto, Nicola Brunialti e Franco Faggiani ospiti della serie di video-interviste #PDESocialClub

Una porta che si apre, il campanello di un negozio che tintinna, rumore di passi e vociare di gente. Abbiamo scelto di accompagnare i titoli di testa dei video della serie #PDESocialClub con i suoni che sentiamo quando entriamo in libreria per assistere alla presentazione di un libro.

Ma cos’è #PDESocialClub? È un hashtag, certo, ma prima di tutto è il modo con cui PDE ha cercato di ripensare la socialità in un periodo in cui è ancora necessario mantenere le distanze. Ma la distanza deve essere fisica, certamente non sociale.

PDE ha, così, chiamato a raccolta i propri editori e realizzato #PDESocialClub, terzo capitolo dell’azione sistemica intrapresa per la ripartenza delle librerie indipendenti (ve ne abbiamo parlato qui).

Si tratta di una serie di contenuti video creati ad hoc per un circuito di un centinaio di librerie indipendenti identificate e contattate dagli agenti PDE.

Ogni editore ha scelto un autore e lo ha invitato a parlare in una manciata di minuti del proprio rapporto con le librerie, della relazione con il pubblico, delle letture preferite. E naturalmente, del suo ultimo libro. 

Ogni settimana le librerie selezionate riceveranno questi video esclusivi da PDE e potranno condividerli attraverso le loro pagine social, accompagnandoli con l’hashtag #PDESocialClub, per creare una sorta di rete sociale tra librai, autori e lettori. Per stare insieme e sentirsi vicini.

Noi di PDE raccoglieremo questa serie di video sulla nostra pagina YouTube e l’account IGTV, ma li pubblicheremo solo una settimana dopo l’invio alle librerie, perché sono loro i protagonisti di questa operazione.

Ecco, quindi, i video che abbiamo inviato la scorsa settimana, preceduti da qualche informazione sui libri di cui ci hanno parlato gli autori ospiti di #PDESocialClub.

Buona visione!

Massimo Carlotto, Variazioni sul noir, Cento Autori

La prima imperdibile antologia di un maestro riconosciuto del noir. Paura, amore, invidia, nostalgia, rabbia, gelosia, vendetta: sono le emozioni con cui Massimo Carlotto ha raccontato la realtà italiana in 25 anni di scrittura appassionata e coinvolgente, che questa antologia celebra raccogliendo i suoi racconti più intensi. Storie ispirate da fatti di cronaca o nate dalla sensibilità dell’autore, con l’obiettivo di scavare nell’animo dei protagonisti e in ognuno di noi. La stagione della lotta armata, la dura vita del carcere, i pregiudizi che colpiscono intere città o un essere umano. Storie di vita reale, dure e crude, raccontate con stile unico.

#PDEBOOKCLUB, pag. 5

 

Nicola Brunialti, Doctor Darkweb. Fuga dal telefonino, Lapis

Tutto il mondo è impazzito per un nuovo gioco: Warmageddon. Non si parla d’altro. La grande sfida dei maschi contro le femmine: 24 ore al giorno, in tutto il mondo. Anche Kevin, Samanta, Alika e Niccolò sono contagiati: si incontrano a scuola, e si rincontrano sul campo di battaglia, ciascuno nascosto dietro al proprio avatar. Quando… per colpa di un inaspettato corto circuito i quattro amici vengono risucchiati nell’app del gioco, dentro un telefonino smarrito. Per uscirne, dovranno schivare frecce e alabarde spaziali, colpi di cannone e spade laser. Ma, soprattutto, dovranno imparare a collaborare e a parlarsi guardandosi negli occhi.

età 8+

#PDEBOOKCLUB, pag. 54

 

Franco Faggiani, Il guardiano della collina dei ciliegi, Fazi

1912. Olimpiadi di Stoccolma. Il Giappone si è da pochi anni aperto al confronto col mondo occidentale. Quale migliore occasione per stringere rapporti amichevoli e fare bella figura, della pacifica ma agonistica festa olimpionica? Nella delegazione nipponica spicca un atleta, il maratoneta Shizo Kanakuri. È un corridore fortissimo, allenato e preparato per vincere. Ma a meno di sette chilometri dal traguardo sparisce, abbandona la gara, rinuncia a un trionfo a portata di mano, si dà alla fuga. Nessuno avrà mai modo di capire o sapere il perché. Per il restante mezzo secolo di vita farà il guardiano di un frutteto, cercando di sopravvivere alla vergogna di aver così deluso il suo imperatore.