Indietro

PDE si fa in quattro!

12 giugno 2020

La prima società di promozione editoriale in Italia accompagna la ripartenza delle librerie indipendenti

Quattro sono le attività che PDE, la prima società di promozione editoriale in Italia, e gli editori che rappresenta, hanno varato in supporto delle librerie indipendenti per la ripresa post coronavirus.

PDE e gli editori da PDE rappresentati fanno sistema e si mettono al fianco di un settore del mercato librario che rischia di pagare duramente i mesi di lockdown e che, nello stesso tempo, ha dimostrato una voglia di reagire che riafferma con forza la sua insostituibile centralità.

Un libro è per sempre

La prima azione ha una valenza simbolica, pur nella sua diretta concretezza. L’abbiamo chiamata Un libro è per sempre. Quaranta editori di PDE hanno donato centoventi copie di un proprio titolo significativo tra quelli usciti nel periodo a ridosso dell’emergenza coronavirus.

Questo significa che centoventi librerie in giro per l’Italia, distintesi per l’impegno a consigliare e sostenere l’editoria indipendente, riceveranno nei prossimi giorni quaranta volumi che metteranno in vendita con un “margine del cento per cento”.

Un gesto simbolico, certo, ma con tutta l’evidenza di un paio di scatoloni da venti chili l’uno, e una rappresentazione vistosa, copertina per copertina, dell’attenzione degli editori per le librerie indipendenti. Ogni scatola è completata da una fornitura di mascherine, dono di Grafica Veneta ai librai.

#PDE Book Club

Seconda azione: #PDE Book Club è il nome di una pubblicazione, una rivista, che riporta una scelta delle novità degli editori PDE, organizzata per aree tematiche: Letteratura, Saggi, Attualità, Arte e spettacolo, Manualistica, Ragazzi.

Una guida per gli acquisti che verrà nelle prossime settimane distribuita ai clienti di cinquecento librerie indipendenti in tutta Italia.

Se non si può ancora percorrere gli spazi della libreria in piena libertà, se ancora è meglio non toccare e sfogliare tutti i libri esposti, se mascherine e guanti rendono faticosa ogni flânerie in libreria, avere a disposizione uno strumento di informazione come #PDE Book Club si rivelerà senz’altro utile. E forse necessario, per spiccare tra tante novità in arrivo.

[Scarica QUI il pdf di #PDE Book Club]

#PDESocialClub

Librerie chiuse, scrittori bloccati nelle proprie città, lettori segregati in casa. Tra i tanti disastri provocati da Covid 19 c’è stato anche l’annichilimento di ogni attività promozionale in libreria. Niente presentazioni, niente incontri con l’autore, niente firma copie, niente festival né saloni. E i librai, decisi come abbiamo detto, a rispondere in maniera propositiva all’emergenza, sono diventati, in massa, esperti social media manager.

Molti erano già attivi da tempo, altri si son dovuti fare un rapidissimo apprendistato sul campo. E ora il web ribolle di presentazioni on line, letture social, dibattiti e dialoghi con sfondo di molteplici salotti e tinelli. PDE ha, di nuovo, chiamato a raccolta i propri editori e realizzato #PDESocialClub, terzo capitolo dell’azione sistemica intrapresa dagli editori e PDE.

Ogni editore ha scelto un proprio autore e lo ha invitato a raccontare in una manciata di minuti il suo ultimo libro, il suo rapporto con la libreria, la relazione con il pubblico, le letture preferite. Un circuito di cento librerie riceverà giorno dopo giorno e giorno dopo giorno riposterà sulle proprie pagine i video di #PdeSocialClub.

PDE ha infine dato corpo alla decisione dei suoi editori di riconoscere condizioni di particolare vantaggio a tutte le librerie indipendenti per gli ordini di rifornimento raccolti dagli agenti PDE in questo periodo di ripresa. Un gesto che non ha nulla di simbolico e incide concretamente sulla disponibilità finanziaria delle librerie nel delicato momento della riapertura del mercato.

Al di là delle singole iniziative, la cosa importante è che per una volta editori, librai, agenti, con il coordinamento della promozione, hanno potuto lavorare a progetti condivisi e a una visione sistemica del mercato.