Indietro

Torna Bookcity Milano e c’è anche PDE!

15 novembre 2022
Torna Bookcity Milano e c’è anche PDE!

«La vita ibrida» è il tema dell’undicesima edizione, a Milano dal 16 al 20 novembre. Nel programma anche un incontro sulla promozione editoriale.

Viviamo in un mondo ibrido. La vita lo è, sempre più scissa tra dimensione online e offline. Ma lo sono anche le attività umane: il lavoro, la comunicazione, le forme di narrazione che utilizziamo sono diventate tutte costruzioni ibride. Lo è anche ciò che siamo, la nostra identità e ciò che saremo, attraverso le esperienze delle nuove generazioni. Ibride, d’altra parte, sono le culture, e lo sono da sempre, dall’alba dei tempi. È dunque questo il tema scelto da Bookcity Milano 2022, undicesima edizione della manifestazione promossa dall’associazione omonima, costituita da Fondazione Corriere della Sera, Fondazione Giangiacomo Feltrinelli, Fondazione Umberto e Elisabetta Mauri e Fondazione Arnoldo e Alberto Mondadori e dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Milano, che si terrà da mercoledì 16 a domenica 20 novembre.

Dove? Nelle librerie, negli auditorium, nei teatri, in tutti i luoghi di aggregazione e scambio culturale. Ovunque ci siano persone appassionate di libri e della lettura, desiderose di conoscere, sapere, approfondire, sentire storie, perché la particolarità di Bookcity è quella di essere una manifestazione aperta, partecipativa, fluida e senza confini, con la tendenza a espandersi, straripare dagli argini e accogliere ogni tipo di esperienza. Una manifestazione ibrida, appunto, che per natura sfugge alle etichette tradizionali e alle definizioni granitiche. Sembra quindi naturale che il tema sia proprio «La vita ibrida», argomento attuale, figlio della complessità contemporanea, da esplorare con apertura mentale e curiosità. Un fil rouge, questo, che verrà naturalmente sviluppato nel vasto e variegato programma di Bookcity Milano 2022, da diverse personalità del mondo della cultura, per abbracciare più sguardi e campi possibili: la manifestazione dedicata al libro e alla lettura è tradizionalmente un luogo di incontro che accoglie tutte le persone che fanno parte della filiera del libro, incluso il pubblico, senza nessuna distinzione.

Sono oltre 3.000 le voci ospitate dalla manifestazione, con più di 1.350 eventi e la partecipazione di 190 editori e 860 classi scolastiche; tante anche le sedi, con circa 290 luoghi, tra cui 47 librerie e 34 biblioteche su tutto il territorio cittadino. BCM22 è anche l’occasione per celebrare i dieci anni di Bookcity per le scuole attraverso l’inaugurazione di un nuovo progetto; Bookcity Università, invece, accoglie 12 istituti e accademie milanesi, con oltre 100 iniziative; infine, da non dimenticare sono gli eventi e i progetti di BookCity per il Sociale, che raggiunge carceri, ospedali e biblioteche di condominio. Sono numeri francamente impressionanti, così come la vastità e la varietà dell’offerta, e dunque, per questa edizione, ci limiteremo a consigliarvi alcuni appuntamenti, consci del fatto che sia impossibile, appunto, rinchiudere Bookcity nei soliti schemi.

Il programma di BCM22

A inaugurare l’undicesima edizione sarà un evento dal titolo Indagare l’animo umano, che si terrà il 16 novembre alle 20:00 al Teatro Dal Verme: la serata avrà come protagonista lo scrittore norvegese Karl Ove Knausgård, che riceverà il Sigillo della città dal Sindaco Giuseppe Sala, e verrà intervistato dallo scrittore e critico letterario Emanuele Trevi, vincitore del Premio Strega 2021 con Due vite, edito da Neri Pozza.

Bookcity Milano, come dicevamo, è una manifestazione partecipativa e aperta a ogni tipo di esperienza che riguarda il mondo dell’editoria, anche della promozione editoriale, che è il nostro campo di competenza. Quest’anno, dunque, ci saremo anche noi: giovedì 17 novembre alle 10.30, nella Sala della Balla al Castello Sforzesco, Paolo Soraci, responsabile della comunicazione di PDE, interverrà all’incontro dal titolo Un promotore mi disse… Responsabilità, etica e fascino di un mestiere in dialogo tra editore e libraio, organizzato dalla Scuola Per Librai Umberto e Elisabetta Mauri. Insieme a noi, ci saranno Ivano Bariani di Promo Comix, Giusi De Luca di Adelphi Edizioni, Vittorio Graziani della Libreria Centofiori, Paola Mambelli di Emme Promo Junior, Enrico Quaglia di NW e Promedi, mentre a coordinare sarà Angela Di Biaso di Emmelibri.

Tantissimi, naturalmente, anche gli appuntamenti con autori e autrici pubblicati dagli editori PDE nel corso della manifestazione. Tra gli incontri più attesi c’è sicuramente quello del 18 novembre alle 21:00 presso la Triennale di Milano con David Quammen, l’autore del libro che dieci anni fa aveva predetto la pandemia, Spillover (Adelphi). L’autore statunitense torna a parlare del nostro destino con Senza respiro, sempre edito da Adelphi: un’appassionante disamina sugli agenti patogeni che chiama “gli angeli oscuri dell’evoluzione”, i virus, entità biologiche che fanno parte di noi e vanno compresi, prima ancora che temuti o combattuti. Con lui dialoga Telmo Pievani, che sarà a sua volta protagonista con Mauro Varotto, Nicla Panciera e Renato Sarti dell’appuntamento del 17 novembre alle ore 20:30 presso la Fondazione Corriere della Sera, per parlare di Il giro nel mondo nell’Antropocene. Una mappa dell’umanità del futuro (Raffaello Cortina Editore), scritto da Pievani, docente di filosofia delle scienze biologiche, e Varotto, docente di geografia. Si tratta di un’occasione per riflettere su come l’espansione umana sulla Terra ha cambiato, sta cambiando e cambierà profondamente il pianeta, attraverso la dimensione narrativa, la potenza visionaria del linguaggio cartografico e la descrizione scientifica delle sfide poste dall’antropocene.

BCM22 celebra anche il grande ritorno della scrittrice australiana Geraldine Brooks, vincitrice del Premio Pulitzer per la narrativa nel 2006. Il 19 novembre alle ore 18:00, presso il Castello Sforzesco, sarà l’occasione per incontrarla e parlare di Come il vento (Neri Pozza), il nuovo romanzo che racconta la storia del cavallo da corsa più famoso d’America, Lexington, intrecciata con un ritratto potente e drammatico dello schiavismo. Dialoga con lei Irene Soave.

Gli spazi di riflessione coinvolgono anche il modo in cui arrivano i libri sul mercato e il 18 novembre alle ore 10:30 presso l’aula 113 dell’Università degli Studi di Milano Nicoletta Brazzelli, Alberto Cristofori, Gaetano Mangiameli, Lidia de Michelis, Alberto Pezzotta e Itala Vivan dialogheranno su come tradurre Abdulrazak Gurnah. La nave di Teseo, infatti, sta pubblicando le traduzioni italiane di tutte le opere dello scrittore inglese originario di Zanzibar, Premio Nobel per la Letteratura 2021, che racconta storie di migrazioni fra la costa orientale dell’Africa affacciata sull’Oceano Indiano e la Gran Bretagna. Muovendosi tra mondi differenti, Gurnah utilizza di conseguenza un inglese ibrido, che accoglie commistioni swahili e arabe, orientali e occidentali. Tradurla è dunque, una sfida, e discuterne diventa necessariamente anche una riflessione sul presente.

Bookcity, proprio come la lettura, è anche intrattenimento, e sono diversi gli appuntamenti in grado di coinvolgere il lato più ludico del nostro rapporto con i libri. Il 20 novembre, per esempio, alle ore 16:00, presso la Sala Buzzati della Fondazione Corriere della Sera, si festeggerà l’undicesimo compleanno del supplemento culturale del Corriere della Sera La Lettura. A celebrarlo ci saranno poeti, autori, attori e ospiti a sorpresa, come Rocco Tanica, storico tastierista della band milanese Elio e le storie tese, e Maurizio Milani, comico, nonché autore de Il bambino che faceva digerire gli orsi (Solferino).

Contemporaneamente, sempre domenica alle ore 16:00, presso il Café Rouge del teatro Franco Parenti, non mancheranno le risate durante il dialogo tra Francesco Muzzopappa, autore di Sarò Breve (Fazi Editore), un nuovo romanzo che in realtà è un testamento in forma di commedia dallo spirito dissacrante, e Francesca Crescentini (alias Tegamini).

Bookcity Milano 2022 si concluderà domenica 20 novembre, con una serata al Museo della Scienza e della Tecnologia: alle 20.00 avrà inizio La vita ibrida. Il valore della scienza, un incontro con tre grandi scienziati, per rivolgere un vero e proprio inno alla scienza e al pensiero scientifico; protagonisti dell’evento saranno Amalia Ercoli Finzi, ingegnere aeronautico e consulente di enti quali la Nasa, l’Asi e l’Esa, Giorgio Metta, esperto di Intelligenza Artificiale, Direttore dell’Istituto Italiano di Tecnologia, e Alberto Mantovani, immunologo, accademico e Presidente della Fondazione Humanitas per la Ricerca, con la conduzione della giornalista scientifica Barbara Gallavotti. La serata, con i saluti istituzionali del Presidente dell’Associazione Bookcity Milano Piergaetano Marchetti e del direttore del Museo della Scienza Fiorenzo Galli, sarà dedicata al tema dell’anno, La vita ibrida, nella prospettiva scientifica, per esplorare lo spazio e il futuro, la tecnologia e la salute, l’ambiente e la ricerca medica. L’evento è co-prodotto con il Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci.

Questi sono solo alcuni dei numerosi appuntamenti con gli editori promossi da PDE. Vi invitiamo a consultare l’intero programma qui. Tutti gli eventi, a eccezione di quelli di apertura e chiusura, sono a ingresso libero fino a esaurimento posti. Per informazioni sugli orari e variazioni nel programma, vi rimandiamo al sito ufficiale di Bookcity Milano 2021.