Indietro

Skira a Bookcity 2019

11 novembre 2019

 

14 novembre 2019
Ore 17:00
Università degli Studi di Milano Aula 113 – Via Festa del Perdono 3
I libri di APICE Archivi della Parola, dell’Immagine e della Comunicazione Editoriale

Con Lodovica Braida, Paolo Di Stefano e Luisa Finocchi

Le recenti pubblicazioni di APICE Archivi della Parola, dell’Immagine e della Comunicazione Editoriale mettono bene in evidenza la ricchezza, varietà e originalità delle collezioni possedute dal Centro. Si tratta infatti di quattro volumi diversi per tema, impostazione metodologica e destinazione, non solo specialistica. Partendo da queste pubblicazioni gli ospiti ragionano sull’importanza di questo patrimonio e sulle molteplici possibilità di valorizzazione. Gli archivi, le biblioteche di editori e scrittori, le riviste e i ricchissimi epistolari di APICE sono infatti una straordinaria miniera di conoscenza che riserva sorprese, curiosità e scoperte di grande interesse non solo per gli studiosi.
Mangiarsi le parole – 101 ricette d’autore, Luca Clerici, Skira

Mario Soldati e gli italiani che cambiano (1957-1979), Bruno Falcetto, Stefano Ghidinelli, Skira

________________________________

15 novembre 2019
Ore 18:30
Borsa Italiana – Sala Blu 60
#donneemancipazioneimprenditorialità | Il valore dello spazio. Le fabbriche di design come pratica del buon progetto

Con Rossella Bisazza, Emiliana Martinelli e Monica Mazzei. Modera Patrizia Catalano. A cura di INTERNI

Quest’anno la scelta di INTERNI è orientata al tema delle imprese di design, luoghi in cui spesso nascono delle icone destinate a durare nel tempo, prodotti straordinari per disegno, qualità, finitura, che possono fortemente caratterizzare la percezione di un ambiente. A parlarne tre protagoniste del progetto d’impresa.
Altagamma Creatività e Cultura Italiana, Fondazione Altagamma, Skira
Edra. OUR STORY. A journey through beauty, AA.VV., Skira

La Fabbrica del Design, AA.VV., Skira

________________________________

15 novembre 2019
Ore 18:30
Collegio di Milano – via San Vigilio
Da Finafrica al Collegio di Milano: l’architettura di Marco Zanuso

Con Salvatore Carrubba e Fabrizio Schiaffonati. A cura di Fondazione Collegio delle Università Milanesi

L’evento è volto a ripercorrere insieme ai protagonisti la storia e i dettagli dell’architettura del Collegio di Milano progettato dall’architetto Marco Zanuso rivolgendo anche uno sguardo al contesto nel quale l’edifico è sorto, all’attuale vita del Collegio e al suo futuro. Presso il Collegio di Milano ha sede la Fondazione Collegio delle Università Milanesi un’istituzione senza scopo di lucro sostenuta da sette università e da importanti enti pubblici e privati della città di Milano. Le attività della Fondazione Collegio delle Università Milanesi sono volte alla diffusione e promozione della vita di college, alla valorizzazione della cultura del merito, all’internazionalizzazione del sistema universitario e all’integrazione delle realtà locali. La Fondazione anima il Collegio di Milano, un campus interuniversitario di merito che coinvolge sette università milanesi ed Expo College, un network di residenze per giovani provenienti da tutto il mondo.

L’architettura del Collegio di Milano, Giovanni Castaldo, Arturo Majocchi, Fabrizio Schiaffonati, Skira

________________________________

15 novembre 2019
Ore 19:00
Castello Sforzesco – Sala Bertarelli
Alla scoperta della pittura di Pieter Bruegel il più grande pittore fiammingo

Con Sergio Gaddi

Questo volume riproduce i più famosi tra i dipinti, i disegni e le stampe di Bruegel, presentandone i particolari in grandi primi piani che mettono in luce tutto il suo talento. Organizzato per temi principali – paesaggi, scene di raccolto, fiere e caccia, vita quotidiana, scene bibliche, proverbi e giochi di bambini –, il libro offre scorci straordinari delle opere più popolari dell’artista, dai Cacciatori nella neve alle Nozze di contadini, a La torre di Babele.
La sezione dedicata ai disegni e alle stampe comprende le serie dei vizi e delle virtù. Bruegel ha creato un mondo incredibilmente ricco e complesso: oltre alla pura bellezza delle sue opere, c’è il piacere intellettuale di scoprirne i vari livelli di significato e l’umorismo, che si colgono nel modo migliore osservandole da vicino.
Il volume, a cura di Manfred Sellink, comprende una breve biografia dell’artista e le riproduzioni integrali dei dipinti e dei disegni dai quali sono tratti i particolari.
Manfred Sellink, direttore del Polo Museale di Bruges, è autore del catalogo ragionato delle opere di Bruegel.

Nel segno di Bruegel, Manfred Sellink, Skira

________________________________

16 novembre 2019
Ore 10:00
Cascina Roma di San Donato Milanese
Fare storie per sviluppare consapevolezza e creatività

Con Paola Buonacasa

Laboratorio di scrittura creativa a cura della dott.ssa Paola Buonacasa su prenotazione (massimo 20 iscritti) dal 5 Novembre 2019 al n. 0252772310. Il laboratorio ha l’obiettivo di far toccare con mano come “facendo storie” impariamo a fare chiarezza dentro e fuori di noi, acquisendo una consapevolezza che ci apre a nuove visioni e capacità di ascolto. Ma narrare è anche un piacere e durante l’incontro ne scopriremo il lato giocoso e divertente. Insieme infatti: sperimenteremo le differenze fra attività ludica e ludiforme, valutando nuove opportunità narrative proposte dalla Ludolinguistica e dalla Letteratura potenziale; toccheremo con mano il valore formativo dell’immaginazione e come la creazione e la narrazione di storie sia fondamentale per imparare a confrontarsi con realtà differenti, aprirsi a nuove esperienze, conoscere sé stessi; scopriremo che la creatività è un modo di pensare secondo “regole” nuove e utili; proveremo a utilizzare modalità di “scrittura empatiche”.
Paola Buonacasa -Maturità classica, laurea in lettere. Iscritta all’albo docenti PoliS-Lombardia e all’albo docenti Formaper Formazione e Servizi per l’imprenditorialità, Azienda speciale della camera di commercio. Tiene corsi di aggiornamento per insegnanti e laboratori di scrittura creativa per ragazzi e adulti presso centri culturali, biblioteche, istituti di scuola primaria e secondaria. Obiettivo dei laboratori è quello di insegnare a usare le parole e la scrittura trasmettendo il piacere di rompere gli automatismi, accendere la mente, imparare a “varcare frontiere”. Per raggiungere questi obiettivi i percorsi proposti attraversano le strade battute dalla Letteratura Potenziale e dalla Ludolinguistica. Pubblicazioni “Macedonario”, “Liberi di mente – Piccola officina di scrittura RIcreativa”, “Mangiarsi le Parole”, “Siamo (S)bocciati” “A Milano in tautogramma”, “Solino e Buietta”. www.paolabuonacasa.altervista.org

Mangiarsi le parole – 101 ricette d’autore, Luca Clerici, Skira

________________________________

16 novembre 2019
Ore 11:30
MUDEC – Museo delle Culture
Scritti dalla Città Mondo: Jorge Eielson. Materia, segno, spazio

Con Giorgia Barzetti, Martha Canfield e Francesca Pola. A cura di Archivio Jorge Eielson e Centro Studi Jorge Eielson

Il poeta, scrittore e artista Jorge Eielson (Lima 1924 – Milano 2006) ha vissuto tra il Perù e l’Italia, dove si trasferì dagli anni Cinquanta, prima a Roma e poi a Milano. Il libro edito in occasione della mostra presentata alla Cortesi Gallery di Londra nella primavera 2019 include la prima pubblicazione in italiano e in inglese di numerosi scritti dell’artista, che verranno proposti al pubblico in dialogo con la voce dello stesso Eielson attraverso storiche registrazioni audio. Lo ascolteremo leggere alcune sue poesie, selezionate in relazione ai temi dell’incontro: il dialogo interculturale di “Milano Città Mondo” che ha visto Eielson tra i protagonisti della mostra “Storie in movimento – Italiani a Lima, Peruviani a Milano”, presentata al MUDEC nella primavera-estate 2019, e l’attenzione alla figura della donna, protagonista di uno dei suoi più celebri romanzi e performance, “II corpo di Giulia-no”.
A cura di Archivio Jorge Eielson e Centro Studi Jorge Eielson.

Jorge Eielson. Materia, segno, spazio, Francesca Pola, Skira

________________________________

16 novembre 2019
Ore 16:30
Castello Sforzesco – Sala Bertarelli
Marcello Dudovich e la fotografia

Con Roberto Curci e Nicoletta Ossanna Cavadini. Con il saluto di Giovanna Mori

MARCELLO DUDOVICH (1878-1962) fotografia fra arte e passione, Roberto Curci, Nicoletta Ossana Cavadini, Skira

________________________________

16 novembre 2019
Ore 18:00
Ordine degli Architetti – via Solferino 17
Abitare la città

Con Stefano Guidarini e Lorenzo Consalez

Nell’ultimo decennio, molte città nel mondo hanno potuto osservare un significativo aumento dei flussi di turistici e di abitanti temporanei. Questi due fenomeni implicano un cambiamento radicale delle modalità abitative: la moltitudine di case disponibili per affitti brevi e il diradamento degli alloggi disponibili per l’affitto a lungo termine, nonché l’aumento dei valori immobiliari in alcuni quartieri, sono alcune delle ragioni che hanno portato a un significativo aumento del costo della vita in città. Gli incontri di “Abitare la città” affronteranno, mediante la presentazione di quattro volumi, il tema della casa e in particolare dell’abitare nella città contemporanea.

New urban housing, Stefano Guidarini, Skira

________________________________

17 novembre 2019
Ore 10:30
Castello Sforzesco – Sala della Balla
La più grande macchina del mondo (6-10 anni)

Con Ilaria Demonti
L’attività consiste in una presentazione/lettura iniziale di dieci minuti a cui seguirà il laboratorio. Su un foglio lungo circa 5 metri (si può stendere sia per terra che su una serie di tavoli), i partecipanti realizzeranno collettivamente con la tecnica del collage “la più grande macchina del mondo” ispirandosi alle macchine di Leonardo e a quelle inutili di Bruno Munari. Una volta terminato il disegno, dimostreremo il funzionamento della macchina raccontando insieme le varie parti e funzioni ideate da ciascuno. Max 15 partecipanti Per l’iscrizione ho creato un indirizzo ad hoc: abottegadaleonardo@gmail.com

La bottega di Leonardo, Ilaria Demonti, Skira

________________________________

17 novembre 2019
Ore 11:30
Teatro Franco Parenti – Sala 3
Misteri e terrore nei celebri racconti della letteratura gotica inglese

Con Luca Scarlini

Montague Rhode James è il maggiore poeta del gotico all’inglese, nutrito di mezze voci, di ambigui baluginii al crepuscolo, di creature che nascono dal vento. Le opere d’arte, in questa visione, si fanno portavoce di un mondo oscuro e misterioso, in cui è facile entrare, ma da cui è difficilissimo allontanarsi. Profondo conoscitore della storia britannica, traeva da spunti di fonti remote, la linfa per opere come La mezzatinta, in cui un’opera si anima sinistramente, la notte, per rivelare le vicende di un antico, quanto efferato delitto. Da un dato di ricerca, si sviluppano le trame del Maligno, sempre in agguato per punire l’eccessiva sicumera dei sapienti, che non vedono, nel loro accanimento, dove si celano trappole e insidie.
Montague Rhodes James (1862-1936), maestro del gotico inglese, nacque a Eton e visse operando come medievista, a lungo dimorando presso Cambridge e Oxford. Antiquario, bibliofilo, collezionista, esperto di antichi codici fu grande nella forma del racconto, spesso usando spunti delle sue ricerche nelle opere. Ha lasciato quarantuno racconti, editi in varie collezioni a partire da Ghost Stories of Antiquary (1904).
Luca Scarlini (1966), saggista, drammaturgo, storyteller in scena, si occupa del racconto delle arti, collabora con teatri, festival, musei e mostre, in Italia e all’estero.

Racconti di fantasmi di un antiquario, James Montague Rhodes, Skira

________________________________

17 novembre 2019
Ore 17:30
Castello Sforzesco – Biblioteca d’Arte
Chi ha ucciso Caravaggio? Un cold case avvincente tra il Seicento e i nostri giorni

Con Silvia Brena, Lucio Salvini, Ferdinando Bruni e Marco Carminati

Caravaggio è stato davvero ucciso? Come e da chi? E chi ha voluto la sua morte? Il mistero si nasconde tra le pieghe di una copia di un quadro famoso, Il Martirio di Sant’Orsola, dipinto dal Caravaggio poco prima di morire e da molti ritenuto una denuncia del suo assassinio. Un mistero che un critico d’arte sui generis, gay, tormentato, ipocondriaco e coltissimo, è chiamato a risolvere. Un cold case, che si dipana nel corso dei secoli e che porterà a scoprire i veri responsabili della morte del Caravaggio, ma anche ad alzare il velo su uno dei peggiori casi di corruzione e malaffare all’interno del Vaticano. Nel corso della vicenda, il critico Dante Hoffman, mentre tenterà di risolvere il mistero che si cela dietro il Martirio, si troverà coinvolto in una corsa contro il tempo per tentare di recuperare il dipinto rubato, ma soprattutto per salvare se stesso. In una trama che alterna il racconto in presa diretta con i flash back che ricostruiscono la vera vita del Caravaggio e i suoi tormenti, Hoffman si troverà al centro di una congiura ordita per toglierlo di mezzo, con le stesse “armi” che, all’epoca, furono usate per uccidere Caravaggio.
Frutto di 4 anni di lavoro e di paziente documentazione, L’ultimo respiro del corvo alterna vicende realmente accadute al Caravaggio e ai suoi contemporanei, svelando anche retroscena sin qui poco noti, a un plot da vero romanzo giallo.

L’ultimo mistero del corvo. L’omicidio Caravaggio, Silvia Brena, Lucio Salvini, Skira