Indietro

Edizioni Ambiente a Bookcity 2019

8 novembre 2019

16 novembre 2019
Ore 16:30
Museo di Storia Naturale di Milano
Cambiamento climatico: perché fidarsi della scienza

Con Sylvie Coyaud, Tommaso Perrone, Donatella Barus e Marco Moro. A cura di ZEST Letteratura sostenibile

Può un libro la cui edizioni italiana esce con 10 anni di ritardo essere più attuale oggi rispetto a quando venne pubblicato per la prima volta? “Mercanti del dubbio”, scritto dagli storici della scienza Naomi Oreskes e Erik Conway, arriva in un momento di negazionismo climatico in rimonta e di pervasiva diffusione della “deep social ignorance”. E racconta come su temi quali tabacco, DDT, piogge acide, buco nell’ozono e riscaldamento globale: per decenni l’applicazione delle misure a tutela della salute delle persone e dell’ambiente sia stata ritardata da scienziati, politici, apparati industriali e media compiacenti. Mercanti del dubbio spiega come hanno fatto, e cosa occorre fare per difendersi dalla manipolazione delle informazioni. Mercanti del dubbio è il resoconto, dettagliato e avvincente, di come un manipolo di scienziati abbia piegato all’ideologia le proprie conoscenze e le abbia messe a disposizione delle industrie e dei decisori politici. Le loro tattiche, screditare la comunità scientifica e costruire dubbi e incertezze, sono state messe a punto negli anni della Guerra fredda e si sono sviluppate nell’era dei social e delle fake news. Oggi hanno trovato il modo per raggiungere più persone, e per questo Mercanti del dubbio – da cui nel 2014 è stato tratto un docufilm con il titolo omonimo – si conferma come un contributo essenziale al dibattito sul ruolo delle istituzioni scientifiche per il funzionamento delle democrazie.

Mercanti del dubbio, Sylvie Coyaud, Edizioni ambiente