Indietro

Besa al Festivaletteratura

26 agosto 2019

Venerdì 6 settembre

21:00 • Casa del Mantegna • € 6,00
Pino Costalunga con la partecipazione di Virgjil Muçi
LE FAVOLE DELLA SERA

Fiabe albanesi
adulti e bambini dai 4 anni
Con il sostegno del Ministero della Cultura d’Albania e del Municipio di Tirana.

Sabato 7 settembre

9:15 • conservatorio di musica “Campiani” • € 6,00
Fatos Kongoli con Bruno Gambarotta
SOLITUDINI DI PIETRA

“Il silenzio, nel caso di uno scrittore, è difficile da seguire, se non proprio impossibile. Per uno scrittore non scrivere è come morire”. Annoverato tra i massimi autori albanesi viventi, Fatos Kongoli ha conosciuto dalla fine del Novecento un’immensa fortuna critica ed è stato paragonato a più riprese a classici come Kafka, Dostoevskij e Solženicyn. La sua poetica – ben esemplificata da libri come Un uomo da nulla, La vita in una scatola di fiammiferi, Bolero nella villa dei vecchi e l’autobiografico Illusioni nel cassetto – è attraversata da brividi d’amore, lampi di follia, visioni ora tragiche, ora beffarde della vita, sullo sfondo di un’Albania che dalla caduta della dittatura a oggi, al pari dei personaggi nati dalla penna di questo suo inconfondibile romanziere, continua a reinventarsi superando cicatrici vecchie e nuove. Lo intervista il giornalista e scrittore Bruno Gambarotta. L’autore parlerà in albanese. Interpretazione consecutiva in italiano.
Con il sostegno del Ministero della Cultura d’Albania e del Municipio di Tirana.

Domenica 8 settembre

17:30 • Conservatorio di Musica “Campiani” • € 6,00
Virgjil Muçi con Massimo Cirri
C’ERA UNA VOLTA IN ALBANIA (E FORSE C’È ANCORA)

L’Albania è un luogo che forse non molti di noi hanno esplorato a livello letterario, fissandone piuttosto un immaginario desunto dalle immagini delle splendide località balneari, o da quelle dei telegiornali, risalendo dalle recenti proteste di piazza fino all’ondata migratoria del 1991. Eppure plurisecolare è l’interazione italiana con lo stato dell’aquila bicipite, a livello non solo umano ma anche culturale. Ospite per la prima volta al Festival di Mantova, lo scrittore e traduttore di Tirana Virgjil Muçi (La piramide degli spiriti, premio Kadaré 2018) accompagnerà il pubblico in un excursus nella memoria collettiva di una nazione, tra gesta eroiche e leggende tramandate per generazioni (Fiabe albanesi) e miti contemporanei deformati da media e politica, da sfatare a colpi di ironia contro il malcostume odierno. Dialoga con lui Massimo Cirri.
L’incontro si terrà in italiano.
Con il sostegno del Ministero della Cultura d’Albania e del Municipio di Tirana.