Torna alla lista
Ediesse

La meritocrazia

Salvatore Cingari

  • Genere: Scienze sociali
  • Listino: € 15.00
  • Collana: I fondamenti
  • Data Uscita: 18/11/2020
  • Pagine: 250
  • Lingua: Italiano
  • EAN: 9788823022331

Il libro si compone di una parte più storiografica e una più analitica, non recisamente separate. La prima si propone di ricostruire la storia del lemma. Nel 1958 Michael Young lo introduce nel lessico politico occidentale, all’interno di un immaginario distopico. La fortuna della parola, però, si divarica. Meritocrazia assume, infatti, negli Stati Uniti degli anni Settanta, con Daniel Bell, un significato positivo, in diretta polemica con le pagine di John Rawls e la recente ondata egualitarista, ma anche in dissenso con von Hayek. In Europa invece la parola continua ad avere, fino a tutti gli anni Novanta del Novecento, un senso problematico rispetto agli standard di una democrazia che voleva anche connotarsi socialmente. Il volume prosegue poi descrivendo come nel nuovo millennio, attraverso il discorso pubblico blairiano, il termine meritocrazia acquisisca un significato positivo anche in Europa e nelle culture di estrazione progressista, diventando un dispositivo ideologico di legittimazione della diseguaglianza. Del termine meritocrazia viene quindi visto il ruolo di parola chiave del neoliberismo, con tutti i suoi significati gerarchizzanti e autoritari che lo connettono altresì allo scenario cosiddetto «post-democratico» e alla biopolitica neoliberale. Particolare attenzione viene data anche alle radici storiche del registro mentale meritocratico, dal «self-help» ottocentesco all’eugenetica positivistica all’elitarismo del primo Novecento al capacitarismo nazionalistico.