Indietro

La “metafisica continua” di Giorgio de Chirico in mostra a Genova

25 luglio 2019

Dopo 25 anni, Giorgio de Chirico torna a  Genova con una mostra che presenta 100 opere realizzate nel corso della sua intera carriera

Entrare nelle sale dell’appartamento del Doge di Palazzo Ducale a Genova, in questo momento, significa entrare in un enigma, uno spazio in cui le prospettive si confondono e la realtà fisica diventa esperienza sensoriale. 

È infatti in corso la mostra Giorgio de Chirico. Il volto della Metafisica, prodotta e organizzata da ViDi, in collaborazione con Palazzo Ducale Fondazione per la Cultura e la Fondazione Giorgio e Isa de Chirico. Curata da Victoria Noel-Johnson, l’esposizione raccoglie 100 opere provenienti da diversi musei, istituzioni e collezioni, realizzate da Giorgio de Chirico nel corso di tutta la sua lunga carriera. Il Pictor Optimus torna così a Genova dopo 25 anni dall’ultima mostra. 

Come spiega la stessa curatrice: «L’esposizione intende promuovere l’interpretazione di una “metafisica continua”, sostenuta anche dallo studioso Maurizio Calvesi, laddove l’intero corpus dechirichiano – nonostante le variazioni di stile, tecnica, soggetto, composizione e tonalità di colore – è da considerarsi metafisico. […] È un mondo enigmatico che trasforma la nostra quotidianità e la banalità delle cose in rivelazione, portandoci a scoprire il lato metafisico di ciò che il filosofo-poeta de Chirico offre allo spettatore». 

E in effetti, a girare per le sale della mostra che noi di PDE abbiamo potuto visitare grazie a Skira, che ha pubblicato il catalogo, la cosa salta subito all’occhio. Attraverso i suggestivi spazi dell’esposizione, contraddistinti dall’uso di un’illuminazione estremamente contrastata e colori netti e primari, in cui le tipiche arcate di de Chirico sono state trasformate in elementi stessi dell’allestimento, è possibile ripercorrere le tappe salienti della produzione del Pictor Optimus

Il percorso della mostra, così come il catalogo di Skira, si snoda attraverso le grandi tematiche della pittura dechirichiana, a partire dai grandi protagonisti metafisici, fino all’incontro con la tradizione Quattro-Cinquecentesca che influenzerà profondamente i suoi dipinti dal 1919. È, infatti, suddiviso in sette sezioni: Il viaggio senza fine; Esterni metafisici; Interni metafisici; Protagonisti metafisici; La natura metafisica; La metafisica incontra la tradizione; La magia della linea.

Oltre al catalogo delle opere, il volume Skira presenta i contributi della curatrice Victoria Noel-Johnson, di Ara H. Merjian, Daniela Ferrari, Simona Bartolena, Fabio Benzi, Davide Spagnoletto, insieme a una selezione degli scritti di Giorgio de Chirico e alla biografia dell’artista. 

L’obiettivo è quello di evidenziare come la produzione post-1918 non rappresenti un distacco dal primo periodo dell’arte metafisica (nonostante le variazioni di stile, tecnica, soggetto, composizione e tonalità di colore), ma un’evoluzione sempre più sofisticata: una metafisica continua, appunto. 

Inoltre, in occasione della mostra a Palazzo Ducale, Skira ha riservato una promozione in esclusiva per tutti i librai, che potranno regalare riduzioni sul biglietto ai loro clienti mediante una cartolina su cui apporre il timbro della libreria. 

GIORGIO DE CHIRICO. IL VOLTO DELLA METAFISICA
Genova, Palazzo Ducale (piazza Matteotti 9)
30 marzo - 1 settembre 2019

Orari
dal mar alla dom, 10.00 - 19.30
(la biglietteria chiude un’ora prima)

Biglietti
Intero: €12,00
Ridotto: €10,00
Scuole e bambini dai 6 ai 14 anni: €4,00

Info
Tel. 010 8171665 
http://www.palazzoducale.genova.it/