Indietro

Hosseini: preghiera per chi fugge

3 settembre 2018
Hosseini: preghiera per chi fugge

Oggi l’uscita in contemporanea mondiale di Preghiera del mare, il nuovo libro di Khaled Hosseini ispirato alla vicenda del piccolo Aylan. Edizione italiana curata da Roberto Saviano per i tipi di SEM

Ha cinquantatre anni, è medico, è afgano e scrive romanzi. Fino a ieri  risultava autore di tre libri, per un totale di 55 milioni di copie vendute. Il suo nome è Khaled Hosseini e i lettori di tutto il mondo hanno imparato ad amarlo grazie a Il cacciatore di aquiloni, Mille splendidi soli, E l’eco rispose.

Nel 2015, come il resto del mondo, si è commosso e angosciato davanti alla fotografia del cadavere del piccolo Aylan Kurdi, tre anni, affogato davanti alla spiaggia di Bodrum in Turchia mentre con la sua famiglia cercava salvezza dal conflitto siriano.

Ma mentre il mondo si commuoveva, sospirava e passava ad altro, ha deciso di mettere la sua scrittura al servizio del dramma che si sta svolgendo davanti alle spiagge d’Europa. E d’Italia. Ha deciso di immaginarsi la vita di un possibile Aylan e di raccontarne la storia.

Preghiera del mare esce in contemporanea in tutto il mondo. A pubblicarlo in Italia è SEM. Il ricavato delle vendite verrà interamente devoluto alla UNHCR, l’agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati di cui Khaled Hosseini è inviato, e alla Fondazione Hosseini, che finanzia azioni umanitarie per i rifugiati e i profughi.

Il suo protagonista si chiama Marwan. È piccolo. Suo padre lo guarda dormire mentre aspettano di imbarcarsi per un viaggio pericoloso e incerto, in fuga da una realtà ancora più pericolosa e dall’esito certo: la morte. Il padre scrive una lettera che Marwan, se sopravvivrà, leggerà quando sarà più grande. In essa racconta al figlio la vita della famiglia a Homs quando ancora c’era la pace. Una vita modesta e, ripensata col senno di poi, piena di felicità. Racconta l’arrivo della guerra, le bombe, la distruzione, la vita tra le rovine, la fame e la fuga.

Sono poche parole, di una densità al limite del tollerabile. E sono accompagnate dagli acquerelli di un artista inglese, Dan Williams, capolavoro nel capolavoro. Di pagina in pagina le illustrazioni trascolorano dall’idillico verde del mondo prima del disastro, dal rosso dei papaveri, ai grigi, ai neri, ai marrone di un mondo che ha perso colori e gioia.

Al servizio di Khaled Hosseini e di Marwan, al servizio di tutti gli Aylan che giorno dopo giorno la risacca spinge sulle nostre spiagge, si è messo per l’edizione italiana di Preghiera del mare Roberto Saviano, che lo ha tradotto dall’inglese e firma l’intensa prefazione.